Vai a sottomenu e altri contenuti

Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19

SARDEGNA ZONA ROSSA DAL 12 APRILE.

SCUOLA:

  • Aperti asili nido e micronidi, nella zona rossa è assicurato in presenza anche lo svolgimento dell’attività scolastica delle materne, elementari e medie ma in quest’ultimo caso solo per gli alunni del primo anno.
  • Le attività didattiche della seconda e terza media e delle scuole superiori si svolgono esclusivamente in modalità a distanza.
  • Resta sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

SPOSTAMENTI:
Ci si può spostare solo per ragioni legate al lavoro, a esigenze di salute o un'altra inderogabile e dimostrabile necessità.

  • È sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.
  • Vietati gli spostamenti per far visita ad amici o parenti autosufficienti (cosa invece permessa nella zona rossa a Pasqua) e, in generale, tutti gli spostamenti verso abitazioni private abitate diverse dalla propria non dovuti a motivi di lavoro, necessità o salute.

BAR E RISTORANTI:

  • È sempre vietato consumare cibi e bevande all’interno dei ristoranti e delle altre attività di ristorazione (compresi bar, pasticcerie, gelaterie etc.) e nelle loro vicinanze.
  • Dalle 5 alle 22 è consentita la vendita con asporto di cibi e bevande, come segue: dalle 5 alle 18 senza restrizioni; dalle 18 alle 22 è vietata ai soggetti che svolgono come attività prevalente quella di bar senza cucina (e altri esercizi simili – codice Ateco 56.3).
  • La consegna a domicilio è consentita senza limiti di orario, ma deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti.
  • È consentita, senza limiti di orario, anche la consumazione di cibi e bevande all’interno degli alberghi e delle altre attività ricettive, per i soli clienti che vi alloggiano.

ATTIVITÀ PRODUTTIVE E COMMERCIALI
Sono aperte tutte le attività presenti in questa lista

  • Consentiti i mercati all'aperto diretti alla vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici.
  • Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie.
  • Chiusi parrucchieri, barbieri e centri estetici.

 Chiusi cinema, musei e altri luoghi di cultura.

Le funzioni religiose con la partecipazione di persone invece si possono svolgere, purché nel rispetto dei protocolli sottoscritti dal Governo con le rispettive confessioni.

SPORT:

  • Le attività di palestre e piscine, centri benessere e centri termali sono sospese. Fanno eccezione le prestazioni che rientrano nei livelli essenziali di assistenza per le attività riabilitative o terapeutiche e per gli allenamenti degli atleti, professionisti e non professionisti, che devono partecipare a competizioni ed eventi riconosciuti di rilevanza nazionale con provvedimento del Coni o del Cip.
  • Allo stesso modo, sono sospese l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sia all’aperto che al chiuso.
  • L’attività motoria all’aperto è consentita solo se è svolta individualmente e in prossimità della propria abitazione. È obbligatorio rispettare la distanza di almeno un metro da ogni altra persona e indossare dispositivi di protezione individuale. Sono sempre vietati gli assembramenti.
  • Nell’area rossa è consentito svolgere l’attività sportiva esclusivamente nell’ambito del territorio del proprio Comune, dalle 5 alle 22 , in forma individuale e all’aperto, mantenendo la distanza interpersonale di due metri.
  • È tuttavia possibile, nello svolgimento di un’attività sportiva che comporti uno spostamento (per esempio la corsa o la bicicletta), entrare in un altro Comune, purché tale spostamento resti funzionale unicamente all’attività sportiva stessa e la destinazione finale coincida con il Comune di partenza.

Il non rispetto delle suddette regole è sanzionato con multe dai 400 ai 1000 euro.

Per ulteriori chiarimenti, si invita alla consultazione delle FAQ del Governo.

Non è consentito lo spostamento verso le altre regioni se non per motivi di lavoro, di salute o necessità. Occorre essere sempre in grado di dimostrare che il motivo dello spostamento rientri tra quelli consentiti mediante  la compilazione dell'autocertificazione.

Tale invito viene rivolto non solo per tutelare la salute dei cittadini Siniscolesi ma anche per far fronte ad eventuali necessità che tali soggetti potrebbero avere durante la loro permanenza nel nostro territorio (es. consegna cibo e/o medicinali a domicilio, DPI etc.).

Di seguito tutti gli aggiornamenti:

La Regione Sardegna ricorda che la collaborazione dei cittadini è fondamentale.In caso di dubbi sui sintomi chiama il tuo medico o pediatra.

Per maggiori informazioni inviare una mail alla casella: urp.emergenza@regione.sardegna.it o contattare il numero verde: 800 180 977.

 

Per approfondimenti collegarsi a questo link della Regione Sardegna.

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
modello_autodichiarazione_editabile_novembre_2020 Formato pdf 626 kb
Vademecum Covid-19 Formato pdf 202 kb
Documento Esplicativo 10 comportamenti da seguire Formato pdf 1638 kb
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto