CONTENUTO DELLA PAGINA

CULTURA E TURISMO

CULTURA E TURISMO

Feste e tradizioni

Le tradizioni

Nel XIX secolo si consolidano le tradizioni popolari, l'abbigliamento tradizionale, le usanze, e i caratteri della religiosità, con rituali per molti aspetti simili a molti altri centri sardi, e in alcuni casi differenti per peculiarità caratteristiche tipiche. Questi aspetti, insieme alla lingua locale, costituiscono ancora oggi, nell'ambito della modernità, gli strati più tipici e autentici, rintracciabili nella ritualità popolare e in diversi momenti della vita quotidiana.

Le feste

Le feste locali, così come si sono formate nel corso dei secoli, costituiscono tuttora un momento di aggregazione dei cittadini, di incontro e di socialità. La festa della Madonna delle Grazie, per la sontuosità delle manifestazioni civili e religiose, appare come l' espressione locale più vistosa di una religiosità popolare che si manifesta anche nelle feste per San Giovanni, per Sant'Antonio, nel carnevale tradizionale, nelle commemorazioni dei defunti, e nelle numerose sagre campestri di San Pietro, San Giacomo, San Giuseppe, Madonna della Salute Luittu, Santa Lucia, dove è ancora possibile rintracciare modi e consuetudini di vita popolare non ancora stravolti.

Durante le numerose Sagre paesane ricche di folklore, è ancora possibile cogliere l'immagine autentica dell'antico 'centro storico', con la sua tradizionale architettura (domestica), il suo famoso 'Cannonau' (robusto vino rosso), che esalta gli arrosti di carne e il famoso 'formaggio pecorino'.

Torna all'inizio della pagina

AIUTI, SOTTOMENU DELLA PAGINA E ALTRE SEZIONI DEL SITO

Torna all'inizio della pagina